06 Giugno 2019

MOCA: OBBLIGO DI COMUNICAZIONE

Si ricorda che gli operatori economici del settore MOCA (Materiali e Oggetti Destinati a venire a Contatto con Alimenti) devono effettuare comunicazione all’autorità sanitaria territorialmente competente, in adempimento dell'articolo 6 del D.lgs 10 febbraio 2017 n.29. In caso di nuova attività, la comunicazione deve essere fatta contestualmente all’inizio attività.

L’obiettivo è quello di consentire l’effettuazione di controlli ufficiali sulle buone pratiche di fabbricazione dei MOCA.

Le tipologie di attività interessate dall’obbligo di comunicazione sono le seguenti:

  • Produzione in proprio o per conto terzi di MOCA. Per le materie plastiche l’obbligo di comunicazione riguarda la produzione e la trasformazione dei polimeri, mentre è esclusa dalla comunicazione la produzione delle sostanze utilizzate per la formazione dei polimeri (additivi, catalizzatori, monomeri, ecc.)
  • Trasformazione delle materie prime: comprende la produzione di MOCA a partire da materie prime adatte al contatto con alimenti, es. produzione di Tetra Pak ® e poliaccoppiati, formatura di vaschette in alluminio a partenza da fogli sottili e laminati, stampaggio a iniezione di bottiglie in PET o altre materie plastiche, stampa di pellicole, carte, cartoni ecc.
  • Assemblaggio: comprende la produzione di oggetti a contatto con alimenti partendo da materie prime adatte al contatto con alimenti (es. produzione macchinari, attrezzature, elettrodomestici, ecc.)
  • Deposito: comprende l’esclusiva attività di stoccaggio rivolta al pubblico a supporto di imprese che producono, trasformano o assemblano materie prime o MOCA
  • Distribuzione all’ingrosso: comprende gli operatori economici che svolgono attività di commercio/distribuzione all’ingrosso/importazione di materie prime o MOCA anche attraverso tipologie di commercio come e-commerce. Rientrano in questa tipologia anche gli importatori intermediari di Materie prime e MOCA destinati ad altri Operatori economici o direttamente a imprese alimentari.

Per quanto riguarda le imprese di produzione della meccanica, e in particolare per le imprese che lavorano in conto proprio e/o conto terzi per l’industria alimentare, una volta che dovesse essere accertata la destinazione del componente (es. un componente che va a confluire su un impianto a contatto con alimenti, piuttosto che su di un macchinario generico), l’impresa rientrerà nella casistica prevista dalla normativa, pertanto sarà obbligata alla comunicazione.

Lo studio rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Referente:

Ing. Caterina Cattini - cattini.c@rivisrl.it

Tel. 0522/922475

Fax. 0522/366623

Corsi in programmazione

20/06/19
20/06/19
21/06/19
21/06/19
24/06/19
25/06/19
25/06/19
26/06/19
28/06/19
02/07/19
02/07/19
02/07/19
03/07/19
05/07/19
05/07/19
10/07/19
10/07/19
10/07/19
10/07/19
11/07/19
11/07/19
11/07/19
12/07/19
12/07/19
16/07/19
16/07/19
17/07/19
17/07/19
18/07/19
22/07/19
22/07/19
22/07/19
23/07/19
23/07/19
24/07/19
24/07/19
26/07/19
26/07/19
26/07/19
26/07/19
13/09/19
13/09/19
17/09/19
18/09/19
19/09/19
04/10/19
07/10/19
07/10/19
09/10/19
09/10/19
09/10/19
16/10/19
16/10/19
16/10/19
17/10/19
17/10/19
17/10/19
18/10/19
22/10/19
25/10/19
25/10/19
25/10/19
29/10/19
29/10/19
07/11/19
08/11/19
13/11/19
13/11/19
18/11/19
18/11/19
20/11/19
22/11/19
26/11/19
02/12/19
03/12/19
03/12/19
03/12/19
04/12/19
04/12/19
05/12/19
17/12/19
20/12/19